Piano di lavoro in marmo e granito

Cosa sono i Naturali ?

Le pietre naturali sono i primi materiali da costruzione usati nella storia, oltre al fascino di esistere da milioni di anni hanno caratteristiche di resistenza, compattezza e durata che le rendono superiori ai prodotti di fabbrica.Una pietra naturale è un materiale ottenuto da una roccia solida o da un blocco di roccia mediante estrazione. La pietra naturale si è formata a seguito di un processo geologico. Le pietre naturali sono ignifughe, igieniche, atossiche e per antonomasia biocompatibili essendo di esse costituita la terra.

MARMO: materiale di primaria importanza nella storia delle arti e dell’architettura, il marmo deriva da rocce compatte di natura carbonatica e consente di ottenere superfici di raffinata eleganza, caratterizzate da venature e giochi cromatici che si presentano unici in ogni lastra.I marmi possono avere vari tipi di grana e contenere fino ad oltre il 99% di calcite. Il marmo puro, cristallino, è bianco, le venature indicano le impurità della composizione mentre il colore è determinato dalla presenza dei minerali accessori.

GRANITO: dotato di straordinaria resistenza alle sollecitazioni e alle intemperie, il granito è propriamente una roccia di natura silicatica (quarzo) e deve il suo eccezionale fascino alla caratteristica tessitura e varietà cromatiche. Il granito si presta a diversi tipi di lavorazione, ma la finitura più adatta per l’arredamento interno e senz’altro la lucidatura: si ottiene levigando la superficie del granito con abrasivi di grana crescente fino ad ottenere un effetto a specchio; viene poi ulteriormente lavorato con uno strato di cera per aumentarne lucentezza e protezione.

PORFIDO: è la roccia più resistente, risultato di un’attività vulcanica che risale a 260 milioni di anni fa. In natura il porfido può presentarsi in forma lastrificata o in blocchi massicci. Il porfido, grazie alla durezza dei minerali che lo costituiscono, è antisdrucciolevole e particolarmente resistente all’usura, è resistente agli urti, ha una bassa capacità di assorbimento dei liquidi e richiede una manutenzione minima.

La pulizia

Di origine sedimentaria e composto principalmente da carbonato di calcio, il marmo ha una scarsa resistenza agli acidi e tende a graffiarsi facilmente.
Meno intaccabile il granito, perché di origine magmatica e composto per la maggior parte di quarzo.
Nel caso del marmo e del porfido è necessario porre particolare attenzione agli acidi deboli presenti in sostanze come caffè, the, vino, cola, aceto, olio, agrumi, frutta e verdura ed è consigliabile evitare di appoggiare direttamente sulla superficie pentole calde e di usare oggetti affilati. Per il granito è necessario fare attenzione all’acido citrico presente negli agrumi, nella frutta e nella verdura, che intacca la brillantezza della superficie.Evitare il contatto con sostanze aggressive come solventi, acquaragia, detergenti per forni, liquidi per sturare lavandini, acidi tipo acetone e in genere con tutte le sostanze che richiedono una protezione per le mani.

Richiedi informazioni

Sfoglia i cataloghi:

Potrebbero interessarti anche: